Quando perdi uno o più denti, noti importanti cambiamenti nelle tue abitudini e potresti sentirti a disagio rapportandoti con gli altri.

I nostri pazienti hanno risolto questi problemi grazie all’implantologia a carico immediato. Nella maggior parte dei casi, è stata sufficiente una seduta per riavere denti fissi senza dolore. Ecco alcuni casi clinici che i nostri centri hanno affrontato nel corso del tempo.

Caso clinico 1 - Dr. Maurizio Cirulli - Bologna

La paziente aveva perso numerosi denti (premolari e molari superiori, incisivi inferiori, premolari e molari inferiori) e gli elementi dentari rimanenti erano anch’essi in condizioni critiche. In una seduta si è proceduto con l’estrazione dei denti irrecuperabili, l’inserimento degli impianti e infine il posizionamento della protesi fissa. Oggi la nostra paziente è tornata a masticare e sorridere con grande naturalezza.

PRIMA

DOPO

Caso clinico 1 - Cirulli

Caso clinico 2 - Dr. Marco Parravano - L'Aquila

Il paziente aveva perso numerosi elementi dentari ad entrambe le arcate e i denti restanti erano affetti da parodontite. In una seduta è stato possibile eseguire un intervento post-estrattivo: subito dopo aver estratto i denti di entrambe le arcate sono stati posizionati gli impianti e, a distanza di poche ore, sono state fissate le protesi definitive.

PRIMA

Caso clinico 6 - prima - Dr. Parravano - L'Aquila

DOPO

Caso clinico 6 - dopo - Dr. Parravano - L'Aquila

Caso clinico 3 - Dr. Elio Pizzamiglio - Roma

L’arcata superiore del paziente contava numerosi elementi dentari persi e frontalmente presentava una protesi parziale. Ricorrendo all’implantologia a carico immediato, è stato possibile estrarre i monconi superiori a sostegno della protesi e gli elementi dentari dell’arcata inferiore, posizionare gli impianti in entrambe le arcate e, a distanza di poche ore, fissare entrambe le protesi. Grazie a un mirato protocollo farmacologico, il paziente ha avuto un post intervento senza dolore.

PRIMA

Caso clinico - prima - Dr. Elio Pizzamiglio - Roma

DOPO

Caso clinico - dopo - Dr. Elio Pizzamiglio - Roma

Caso clinico 4 - Clinica Sanident - Milano

Prima del trattamento la bocca della paziente era interessata da parodontite, con la conseguente perdita di numerosi elementi dentari nell’arcata dentale superiore. In questo caso, il paziente è stato sottoposto a un intervento post-estrattivo: sono stati estratti i denti compromessi dell’arcata superiore, si è proceduto con il posizionamento degli impianti seguendo il progetto preimplantare e, a distanza di poche ore, è stata avvitata una protesi fissa. Nel caso del paziente, è stata riabilitata solo l’arcata superiore.

PRIMA

Caso clinico - prima - Clinica Sanident - Milano

DOPO

Caso clinico - dopo - Clinica Sanident - Milano

Caso clinico 5 - Dr. Maurizio Cirulli - Bologna

Il paziente presentava una situazione di edentualia parziale (assenza di denti) e problemi diffusi ai restanti denti dell’arcata superiore. Anche in questo caso è stato eseguito un intervento post-estrattivo che, in una sola seduta, ha permesso di estrarre i denti compromessi e di inserire contestualmente 6 impianti sui quali è stata avvitata la protesi fissa.

PRIMA

Caso clinico 5 - dopo - Dr. Maurizio Cirulli - Bologna

DOPO

Caso clinico 7 - dopo - Dr. Maurizio Cirulli - Bologna

Caso clinico 6 - Dr. Marco Parravano - L'Aquila

L’arcata superiore del paziente era gravemente affetta da parodontite e da edentulia parziale (assenza di denti). In una seduta di 8 ore si è proceduto con l’estrazione dei denti e con il posizionamento di 6 impianti. L’intera arcata è stata riabilitata con una protesi fissa in assenza di dolore, sia durante l’intervento che il giorno seguente.

PRIMA

Caso clinico 3 - prima - Dr. Parravano - L'Aquila

DOPO

Caso clinico 3 - dopo - Dr. Parravano - L'Aquila

Caso clinico 7 - Dr. Elio Pizzamiglio - Roma

L’arcata superiore del paziente contava numerosi elementi dentari persi e frontalmente presentava una protesi fissa parziale. Ricorrendo all’implantologia a carico immediato, è stato possibile estrarre i monconi a sostegno della protesi, posizionare gli impianti sfruttando alcuni degli alveoli lasciati dai denti estratti e, a distanza di poche ore, fissare la protesi. Grazie al mirato protocollo farmacologico, il paziente ha avuto un post intervento asintomatico.

PRIMA

Caso clinico - prima - Dr. Elio Pizzamiglio - Roma

DOPO

Caso clinico - dopo - Dr. Elio Pizzamiglio - Roma

Caso clinico 8 - Clinica Sanident - Milano

Avendo perso i denti di entrambe le arcate, il paziente era portatore di protesi mobile. Con un intervento di implantologia a carico immediato, è stato possibile inserire gli impianti e riabilitare entrambe le arcate in una seduta. L’inserimento delle protesi fissa ha ridefinito le proporzioni del volto, conferendo al paziente un aspetto molto più giovane.

PRIMA

Caso clinico - prima - Clinica Sanident - Milano

DOPO

Caso clinico - dopo - Clinica Sanident - Milano

Caso clinico 9 - Dr. Marco Parravano - L'Aquila

Prima del trattamento, la bocca della paziente era gravemente compromessa: nell’arcata superiore erano presenti solo alcune radici, mentre gli elementi dentari presenti in quella inferiore erano affetti da parodontite. Per riabilitare entrambe le arcate, sono stati estratti i denti compromessi e fissati 6 impianti per arcata. A distanza di poche ore, sono state posizionate le protesi fisse , permettendo al paziente di recuperare le piene capacità masticatorie.

PRIMA

Caso clinico 2 - Dr. Cirulli Bologna

DOPO

Caso clinico 2 - dopo - Dr. Cirulli Bologna

Caso clinico 10 - Dr. Maurizio Cirulli - Bologna

Essendo la paziente portatrice di protesi mobile su entrambe le arcate, la perdita dei denti aveva causato un grave riassorbimento osseo in corrispondenza del seno mascellare dei molari superiori. Prima di riabilitare le arcate, si è provveduto a rialzare il seno mascellare dove è stato inserito l’osso necessario alla riabilitazione su impianti. In un secondo momento, sono stati inseriti 6 impianti in entrambe le arcate e posizionate le protesi fisse.

PRIMA

Caso clinico 5 - prima - Dr. Maurizio Cirulli - Bologna

DOPO

Caso clinico 5 - dopo - Dr. Maurizio Cirulli - Bologna